Aprire porta: chiedere permesso o eseguire il lavoro e dichiararlo dopo?

Dovrei aprire una porta tra un appartamento e un magazzino. Che differenza c'è, a livello burocratico, tra chiedere il permesso per farlo e dichiarare tutto una volta eseguito il lavoro?

Anna
Anna ha fatto una domanda su
Geometri
Un mese fa

Aprire porta: chiedere permesso o eseguire il lavoro e dichiararlo dopo?

Dovrei aprire una porta tra un appartamento e un magazzino. Che differenza c'è, a livello burocratico, tra chiedere il permesso per farlo e dichiarare tutto una volta eseguito il lavoro?

Hai delle domande?
Chiedi alla community

3 Risposte

Ing. Antonello Serra
Ing. Antonello Serra
Ing. Antonello Serra ha rsposto... Antonello Serra (Cagliari, Cagliari) Antonello Serra - un mese fa

Buongiorno signora, la domanda che pone merita attenzione, perché a livello burocratico vi sono aspetti non banali. Vediamo i principali profili. 1. URBANISTICO: aprire una porta implica una "fusione" urbanistica, la quale, oltre ad altri aspetti, può essere fatta esclusivamente se i due immobili sono dello stesso proprietario. 2. STATICO: non è scontato che l'apertura della porta sia compiuta su un tramezzo, ossia, un muro di spessore di circa 10 - 15 cm. Se non si tratta di un tramezzo (e quindi, si ha a che fare con muri di cemento armato o portanti), l'apertura di una porta ha implicazioni statiche, che è necessario valutare prima di agire. Tenga presente che se si vuole aprire una porta su un muro portante di un palazzo con più piani, è necessario far eseguire un progetto ad hoc da ingegneri con esperienza pluriennale. 3. REGOLARITÀ EDILIZIA: la pratica edilizia deve sempre essere fatta prima di agire. Tenga conto che se ci sono problemi in ambito urbanistico e statico, è possibile che la pratica non si possa eseguire. Quindi, se prima apre la porta e dopo si dedica alla pratica edilizia, rischia di trovarsi in una situazione molto scomoda. Senza contare che, poiché l'apertura della porta ha quelle implicazioni urbanistiche e statiche, la pratica è assolutamente necessaria. In conclusione, aprire la porta senza titolo abilitativo formato è di fatto un abuso edilizio, attualmente sanzionato con sanzioni penali. Se lei lo facesse e se mai avesse problemi, rischierebbe di trovarsi al banco degli imputati e per difendersi dovrebbe pagare di corsa i tecnici cui avrebbe dovuto dare incarico per fare le valutazioni e la pratica edilizia. IN SINTESI: faccia fare subito la pratica edilizia ad un tecnico competente, come ad esempio, un ingegnere, così avrà tutto in ordine prima di agire.

Rispondi
Massimo
Massimo
Massimo ha rsposto... TS team - arch. Massimo Maiullari (Toscolano-Maderno, Brescia) TS team - arch. Massimo Maiullari - un mese fa

Volevo scrivere "sarebbe di una semplicità unica" e poi ho corretto in semplicissima, ma il senso è quello.

Massimo
Massimo
Massimo ha rsposto... TS team - arch. Massimo Maiullari (Toscolano-Maderno, Brescia) TS team - arch. Massimo Maiullari - un mese fa

Buongiorno, a livello burocratico, se fa prima una pratica (oltretutto, semplicissima) e poi i lavori, procede nel modo corretto. Se invece la dichiara dopo i lavori, deve fare una sanatoria e le applicheranno una sanzione.

Rispondi

Per scrivere la risposta devi essere registrato. Non è possibile inserire numeri di contatto, email o link a pagine esterne in questa sezione. Tali contenuti saranno moderati ed eliminati.

Aggiungi foto
Richiedi preventivi di geometri nella tua zona

Scegli un tipo di lavoro

Registrati
Registra la tua impresa

Contatta all'istante persone nella tua zona alla ricerca di professionisti esperti negli ambiti della costruzione, ristrutturazione, installazioni, traslochi, architetti ecc..