Certificato di abitabilità: ristrutturazione di un appartamento del 1965

Buongiorno, sto affrontando una ristrutturazione di un appartamento del 1965 che non possiede certificato di abitabilità. Questo è richiesto per la chiusura della pratica in Comune ma non è stato possibile trovarlo e probabilmente non esiste. Il direttore dei lavori dice che è necessario fare il documento da zero partendo addirittura dal collaudo statico del palazzo che dovrei fare a mie spese. Ora vorrei evitare una tale spesa di migliaia di euro per una ristrutturazione parziale e vorrei sapere se in assenza di agibilità/abitabilità originaria ci siano modi per chiudere la pratica in Comune senza dover rifare da zero la documentazione ma producendo un certificato che sia valido a partire dalla nuova ristrutturazione. Grazie.

Certificato di abitabilità: ristrutturazione di un appartamento del 1965

Buongiorno, sto affrontando una ristrutturazione di un appartamento del 1965 che non possiede certificato di abitabilità. Questo è richiesto per la chiusura della pratica in Comune ma non è stato possibile trovarlo e probabilmente non esiste. Il direttore dei lavori dice che è necessario fare il documento da zero partendo addirittura dal collaudo statico del palazzo che dovrei fare a mie spese. Ora vorrei evitare una tale spesa di migliaia di euro per una ristrutturazione parziale e vorrei sapere se in assenza di agibilità/abitabilità originaria ci siano modi per chiudere la pratica in Comune senza dover rifare da zero la documentazione ma producendo un certificato che sia valido a partire dalla nuova ristrutturazione. Grazie.

Hai delle domande?
Chiedi alla community

1 Risposte

Ing. Antonello Serra
Antonello Serra (Cagliari, Cagliari) Antonello Serra - 8 mesi fa

Buongiorno,

il certificato di agibilità va fatto come indicato dal suo tecnico. Su immobili con struttura in cemento armato, il collaudo statico o altro documento equivalente, va sicuramente fatto. Però è una spesa da affrontare a livello di condominio, quindi non a sue spese esclusive, ma a spese dell'intero condominio.

E no, non vi sono strade alternative. Vi possono essere diverse strade per fare l'agibilità, ma le deve vagliare il tecnico, in base al caso specifico ed alla propria visione professionale della situazione.

Rispondi

Per scrivere la risposta devi essere registrato. Non è possibile inserire numeri di contatto, email o link a pagine esterne in questa sezione. Tali contenuti saranno moderati ed eliminati.

Richiedi preventivi di licenze nella tua zona

Scegli un tipo di lavoro

Registrati
Registra la tua impresa

Contatta all'istante persone nella tua zona alla ricerca di professionisti esperti negli ambiti della costruzione, ristrutturazione, installazioni, traslochi, architetti ecc..