Posso spostare colonne di riscaldamento condominiali?

Salve a tutti,

sono in procinto di consegnare la CILA in comune per ristrutturare totalmente il mio appartamento.

Tale ristrutturazione richiederebbe lo spostamento delle 2 colonne del riscaldamento condominiale (ancora vuote perché l'impianto è spento per fortuna), che attualmente (ante-operam) si trovano al centro dell'appartamento (su 2 tramezzi che dividono gli ambienti della casa) e io invece vorrei spostare sui muri perimetrali per poter ridistribuire gli spazi.

L'amministratore mi dice che si affida totalmente al parere dell'ingegnere che dirigerà i lavori, il quale dice che si può fare senza problemi. Io però temo il peggio e visto che il riscaldamento è centralizzato non vorrei che i vicini di casa abbiano dei problemi (con tutte le grane conseguenti).

Ho anche contattato la ditta che si occupa della manutenzione del bruciatore e della centrale termica, e anche loro sostengono che se il mio tecnico dice che si può fare non dovrebbero esserci problemi.

Come però posso assicurarmi che sia effettivamente così?

Posso secondo voi effettuare questo spostamento senza problemi?

Grazie mille per la vostra attenzione e le vostre risposte!

Posso spostare colonne di riscaldamento condominiali?

Salve a tutti,

sono in procinto di consegnare la CILA in comune per ristrutturare totalmente il mio appartamento.

Tale ristrutturazione richiederebbe lo spostamento delle 2 colonne del riscaldamento condominiale (ancora vuote perché l'impianto è spento per fortuna), che attualmente (ante-operam) si trovano al centro dell'appartamento (su 2 tramezzi che dividono gli ambienti della casa) e io invece vorrei spostare sui muri perimetrali per poter ridistribuire gli spazi.

L'amministratore mi dice che si affida totalmente al parere dell'ingegnere che dirigerà i lavori, il quale dice che si può fare senza problemi. Io però temo il peggio e visto che il riscaldamento è centralizzato non vorrei che i vicini di casa abbiano dei problemi (con tutte le grane conseguenti).

Ho anche contattato la ditta che si occupa della manutenzione del bruciatore e della centrale termica, e anche loro sostengono che se il mio tecnico dice che si può fare non dovrebbero esserci problemi.

Come però posso assicurarmi che sia effettivamente così?

Posso secondo voi effettuare questo spostamento senza problemi?

Grazie mille per la vostra attenzione e le vostre risposte!

Hai delle domande?
Chiedi alla community

5 Risposte

Risposte utili 1
Ing. Antonello Serra
Antonello Serra (Cagliari, Cagliari) Antonello Serra - 2 anni fa

Buongiorno signora Sara,

il tecnico di sua fiducia le ha detto il vero: si può fare, non ci sono problemi tecnici all'orizzonte.

Però è anche vero che:

- quelle colonne sono ben datate e quindi non è scontato che la parte che non vediamo, quella dentro il pavimento, sia in buone condizioni.

- la modalità di realizzazione è infelice, perchè quelle condotte sono strette nel massetto e quindi una demolizione del massetto implica mettere in vibrazione quelle condotte. Se fossero molto arrugginite, ci potrebbero essere danni imprevisti e quindi costi imprevisti.

- è comunque tutto fattibile, l'importante che il tecnico e l'impresa, abbiano tempo per seguire i passaggi cruciali.

Le consiglio di:

- accertarsi che le colonne del riscaldamento siano esattamente quelle e non anche altre.

- accertarsi che nel progetto complessivo, il tipo di intervento sia indicato in modo dettagliato e che quindi, per essere chiari, l'ingegnere abbia già previsto il da farsi e rifiuti a priori di lasciare le decisioni in capo alla sola impresa esecutrice.

- si metta d'accordo con il condomino del piano di sotto, per fare una serie di fotografie che inquadrano il soffitto nei pressi di quelle colonne e, visto che ci siete, in ogni stanza dell'appartamento sottostante.

sara
Privato - 2 anni fa

Gentile Ing. Serra,

La ringrazio per la sua risposta e per i suoi consigli.

Mi conforta sapere che anche altri ingegnieri credano che questo lavoro si possa fare con le dovute accortezze e cautele.

Speriamo bene!

La ringrazio molto!

Ernesto
Privato - 14 giorni fa

Salve,

Approfitto del topic per porvi il mio quesito.

Sto ristrutturando il mio appartamento, che si trova al penultimo piano di un palazzo di nove piani. L'appartamento è dotato di un impianto di riscaldamento condominiale a colonne montanti e mi trovo in una situazione analoga a quella descritta da Sara. In pratica una delle sei colonne verticali passa in mezzo alla casa, in prossimità del tramezzo che vorrei abbattere. A causa delle nuova rimodulazione intendo spostarla di 50 centimetri (il che vorrebbe dire che la ditta dovrà estendere di circa un metro (50 cm x 2 con le "curve") le tubazioni realizzando una sorta di "C").

Ho chiamato informalmente l'amministratore per chiedere chiarimenti su come muovermi e mi ha risposto negativamente, aggiungendo anche che lavori del genere non si fanno in questo periodo, ma in estate, quando l'impianto non è ancora caricato. Ovviamente avrei voluto farli anche io quest'estate, ma il Covid mi ha cambiato un bel pò di programmi. Sul regolamento di condominio non ci sono indicazioni particolari, ma è indicato che l'impianto di riscaldamento condominiale è di proprietà collettiva fino al punto di diramazione delle singole abitazioni. Quindi in teoria, il tratto che voglio modificare non è il mio.

L'architetto che mi segue mi ha rassicurato dicendomi che interventi del genere, con le ditte giuste, si fanno, e anche d'inverno soprattutto in considerazione del fatto che il mio appartamento si trova al penultimo piano. Le ditte che ho contattato invece mi hanno dato pareri diversi. Una in particolare mi sconsiglia di realizzare l'intervento poichè dovrebbe esprimersi l'assemblea condominiale. In caso alternativo, rischierei di essere additato come responsabile in caso di malfunzionamenti futuri.

Non so che fare. Quale è la strada più giusta da percorrere?

Ing. Antonello Serra
Antonello Serra (Cagliari, Cagliari) Antonello Serra - 2 anni fa

Va anche sottolineato qualche aspetto critico:

- tagliare le colonne per spostarle implica la modifica di un impianto condominiale, sul quale non ha diritti. È opportuno accertarsi esattamente quali appartamenti servano quelle condotte.

- il taglio delle condotte, implicherà la fuoriuscita di tutto il liquido caldo presente anche nei piani superiori ed in pressione. Quindi espone a grossi rischi gli operai e mette fuori uso l'impianto per un tempo relativamente lungo. È quindi necessario concordare con l'amministratore i passaggi.

sara
Privato - 2 anni fa

allego le foto delle 2 colonne di tubi per rendere più chiara la questione

6 foto
Rispondi

Per scrivere la risposta devi essere registrato. Non è possibile inserire numeri di contatto, email o link a pagine esterne in questa sezione. Tali contenuti saranno moderati ed eliminati.

Richiedi preventivi di ristrutturazione casa nella tua zona

Scegli un tipo di lavoro

Registrati
Registra la tua impresa

Contatta all'istante persone nella tua zona alla ricerca di professionisti esperti negli ambiti della costruzione, ristrutturazione, installazioni, traslochi, architetti ecc..