Si può ristrutturare una facciata senza rispettare i colori iniziali?

Salve, kiedevo un informazione, riguardo la ristrutturazione di una facciata di una casa, facente parte di case a schiera senza condominio, questa facciata è stata ristrutturata nn seguendo e rispettando i colori iniziali ,cosa ke invece è stata fatti da altri, in più è stato abbattuto un muretto di un balcone facendolo tutto a ringhiera senza un progetto, kiedo visto ke nn c'è un condominio , il proprietario della casa poteva fare queste modifiche danneggiando il prospetto di tutte le case? Spero di essere stata kiara????

Si può ristrutturare una facciata senza rispettare i colori iniziali?

Salve, kiedevo un informazione, riguardo la ristrutturazione di una facciata di una casa, facente parte di case a schiera senza condominio, questa facciata è stata ristrutturata nn seguendo e rispettando i colori iniziali ,cosa ke invece è stata fatti da altri, in più è stato abbattuto un muretto di un balcone facendolo tutto a ringhiera senza un progetto, kiedo visto ke nn c'è un condominio , il proprietario della casa poteva fare queste modifiche danneggiando il prospetto di tutte le case? Spero di essere stata kiara????

Hai delle domande?
Chiedi alla community

3 Risposte

Giovanni
Giovanni
Privato - 4 anni fa

Buongiorno,

In genere la scelta del colore delle facciate sottoposte a ristrutturazione dovrebbe seguire dei criteri imposti dal Comune, a seconda della zona in cui si trovano gli edifici, proprio perché lo scopo, solitamente, è quello di mantenere una certa omogeneità. Tali criteri sono solitamente più restrittivi nei centri storici, in ogni caso generalmente è prevista la scelta tra più colori. Prima di effettuare una ristrutturazione, occorre dare comunicazione al Comune e in questi casi vanno indicati i colori che verranno utilizzati, proprio perché devono rispettare i criteri imposti. In conclusione: a seconda della zona del Comune e ovviamente a seconda del Comune stesso, il proprietario potrebbe aver avuto la possibilità di modificare il colore della facciata anche se diverso dagli edifici contigui, se il Comune lo ha consentito.

Cordiali saluti

Giovanni
Giovanni
Privato - 4 anni fa

Leggendo più attentamente, mi pare di capire che sono state apportate ulteriori modifiche senza un progetto. Se così fosse, viene a decadere il discorso fatto, ovviamente. Qualsiasi modifica deve essere preventivamente autorizzata dal Comune tramite apposito titolo abilitativo. In mancanza di questo, i lavori realizzati sono abusivi e, alla luce di questo, è presumibile pensare che anche la scelta del colore della facciata sia stata fatta in maniera del tutto arbitraria. È, quindi, fondamentale che: 1) ci sia un progetto autorizzato dal Comune, 2) se questo c'è, i lavori siano conformi a quanto autorizzato.

Rispondi

Per scrivere la risposta devi essere registrato. Non è possibile inserire numeri di contatto, email o link a pagine esterne in questa sezione. Tali contenuti saranno moderati ed eliminati.

Richiedi preventivi di ristrutturazione casa nella tua zona

Scegli un tipo di lavoro

Registrati
Registra la tua impresa

Contatta all'istante persone nella tua zona alla ricerca di professionisti esperti negli ambiti della costruzione, ristrutturazione, installazioni, traslochi, architetti ecc..