Quanto è resistente il pavimento in resina o microcemento?

Chiedo quali sono le caratteristiche che diversificano il pavimento in resina e quello in microcemento inoltre volevo sapere quale era il piu resistente, ho letto che sono molto pratici li paragonerebbe ad un pavimento in ceramica di buona qualita'? grazie per l attenzione.

Foto: Home Away

Quanto è resistente il pavimento in resina o microcemento?

Chiedo quali sono le caratteristiche che diversificano il pavimento in resina e quello in microcemento inoltre volevo sapere quale era il piu resistente, ho letto che sono molto pratici li paragonerebbe ad un pavimento in ceramica di buona qualita'? grazie per l attenzione.

Foto: Home Away

Casa Olivi
Hai delle domande?
Chiedi alla community

20 Risposte

Risposte utili 4
Eco
Privato - 2 anni fa

Il microcemento bello ma solo al inizio... non si può posare sul riscaldamento a pavimento altrimenti crepa,assorbe olio e altri residui alimentari,bisogna evitare danneggiare l'ultimo passaggio sottilissimo,trasparente altrimenti il pavimento della cucina/scala possono diventare cosi dopo neanche 2 anni...

2 foto
Fabrizio
Privato - 3 anni fa

Ho ristrutturato il mio appartamento circa 2 anni fa e nella parte giorno ho deciso di posare sulle vecchie piastrelle uno strato di microcemento prodotto dalla ditta Pancotti.

Sono soddisfatto perché il rivestimento scelto ha i seguenti lati positivi :

1) l'effetto estetico è eccellente in quanto si presenta come una superficie continua, priva di fughe e con effetto nuvolato. Avendo scelto un protettivo trasparente senza solvente, si ottiene un aspetto "materico" (come specificato in un altro commento) che evita la sensazione di un materiale "gommoso" e suggerisce invece l'idea di uno strato "vetroso" estremamente elegante. La spatolatura a mano eseguita durante la posa genera la coesistenza di strati diversi di materiale che conferisce alla superficie un effetto di tridimensionalità che mi piace molto.

2) Grazie a questi effetti ottici, la polvere e lo sporco si confondono con la struttura della superficie e quindi il pavimento appare sempre con lo stesso aspetto anche se sono parecchi giorni che non lo si pulisce. In ogni caso l'utilizzo di un panno in microfibra imbevuto di un detergente delicato ripristina lo stato originale della superficie.

Esistono tuttavia anche delle controindicazioni e precisamente :

1) Occorre far bene attenzione alla presenza di liquidi. Già in fase di posa occorre che chi realizza l'opera esegua un trattamento preliminare sul fondo sottostante per eliminare la presenza di umidità e anche per bloccare eventuali risalite di umidità. Questo evita l'apparire di chiazze sul pavimento anche dopo parecchio tempo dalla sua realizzazione.

La caduta di liquidi sul pavimento non genera alcun inconveniente se il liquido è rimosso immediatamente. Se invece staziona per qualche tempo l'effetto risultante varia al variare del tipo di liquido. In caso di acqua o di liquido a basso contenuto di acido compaiono delle macchie che nel giro di qualche ora spariscono grazie all'impianto di deumidificazione istallato nell'appartamento. Nel caso invece di liquidi particolarmente aggressivi la permanenza in loco per diverso tempo genera delle macchie permanenti più o meno visibili a seconda del colore e dell'effetto nuvolato conferito alla superficie.

2) Lo strato trasparente applicato a protezione del materiale cementizio tende a consumarsi nelle zone di maggior passaggio per cui queste diventano zone molto delicate in cui possono generarsi graffi, macchie ed anche piccole fessurazioni.

3) La resistenza agli urti è buona ma non come suggerirebbe l'idea di una superficie cementizia. In realtà tale resistenza è analoga a quella che può offrire un pavimento in parquet che si ammacca per effetto della caduta di oggetti particolarmente pesanti.

Valeria
Privato - 2 anni fa

Gent.mo Egidio, siccome sto per ristrutturare un appartamentino (50 mq) è ho ristretto la scelta a cemento, microcemento e resina, vorrei sapere se, nel caso di mobili, divani, ecc. il microcemento si "segna" e a proposito di liquidi, che cosa succede in caso cada qualcosa di oleoso.

La ringrazio

Geom. Angelo Marugi
Geom. Angelo Marugi
Privato - 5 anni fa

Dipende dalla tipologia di resina e dal ciclo applicativo scelto. Ci sono soluzioni talmente resistenti che vengono usate negli scenari industriali più esigenti, mentre ci sono resine di scarsa qualità (con formulazione troppo semplificata) che garantiscono prestazioni scarse. Mediamente, cicli resinosi di qualità hanno un'ottima resistenza agli urti e all'usura e non richiedono particolari attenzioni da parte dei Clienti.

Come tutti i pavimenti, la resina è soggetta ad usura, tanto più marcata quanto è importante l'aggressione meccanica a cui è sottoposta. Solitamente, nei pavimenti in resina, è lo strato trasparente protettivo finale che viene eroso: più duro è tale strato, meno risulterà graffiato il pavimento. Oggi la ricerca scientifica fornisce prodotti con prestazioni paragonabili alle più dure pietre naturali e nettamente superiori ad ogni parquet disponibile. E' tuttavia vero che le prestazioni fornite da un normale gres porcellanato sono, ad oggi, inarrivabili per qualsiasi resina posata in loco.

Non esiste un pavimento identico ad un altro. Replicare un pavimento in resina è pressochè impossibile, perfino per lo stesso applicatore. La soluzione diventa perciò una piccola opera d'arte sotto i vostri piedi, da vivere nella sua unicità. In base alle esigenze estetiche del cliente e alla scelta dei materiali, si possono ottenere molteplici effetti decorativi, dallo spatolato al nuvolato, dal monocromatico al 'quadro d'autore'.

Il pavimento in microcemento è la scelta ideale per chi desidera superfici continue, senza fughe e originali in soli 2-3 mm di spessore.

Che sia un ambiente moderno, minimale o rustico, offre una finitura di qualità altissima, personalizzabile, pratica e di grande pregio estetico. Ideale per pavimentazioni di hotel abitazioni importanti, negozi che vogliono valorizzare i loro articoli, show room, centri commerciali ecc.

L'effetto estetico che si ottiene può essere minimal, spatolato, nuvolato, acidificato

Come tutti i nostri pavimenti la qualità dei prodotti utilizzati e l'applicazione da parte di artigiani specializzati, garantiscono al pavimento in microcemento massima resistenza nel tempo. Le superfici che si ottengono non presentano fughe o giunture, e sono di facile pulizia e manutenzione. Grazie alle sue caratteristiche è possibile intervenire direttamente su vecchie pavimentazioni in piastrelle, senza alcuna demolizione

Thomas
Privato - 3 anni fa

Il microcemento è un rivestimento composto di materiali cementizi e polimerici con basso spessore (da 1 a 3 mm). Il pavimento in microcemento ha una finitura liscia, che lo rende ideale per ambienti moderni e minimalisti. E 'applicabile su tutti i tipi di superfici dure. Può essere applicato su pavimenti, pareti, scale, mobili e altri, sia all'interno che all'esterno.

Thomas
Privato - 3 anni fa

Il microcemento è un rivestimento composto di materiali cementizi e polimerici con basso spessore (da 1 a 3 mm). Il pavimento in microcemento ha una finitura liscia, che lo rende ideale per ambienti moderni e minimalisti. E 'applicabile su tutti i tipi di superfici dure. Può essere applicato su pavimenti, pareti, scale, mobili e altri, sia all'interno che all'esterno.

Thomas
Privato - 3 anni fa

Il microcemento è un rivestimento composto di materiali cementizi e polimerici con basso spessore (da 1 a 3 mm). Il pavimento in microcemento ha una finitura liscia, che lo rende ideale per ambienti moderni e minimalisti. E 'applicabile su tutti i tipi di superfici dure. Può essere applicato su pavimenti, pareti, scale, mobili e altri, sia all'interno che all'esterno.

Edmondo
V&v Srl (Ciserano, Bergamo) V&v Srl - 3 anni fa

I vantaggi del microcemento.

Materiale versatile. Questa finitura innovativa si applica a qualsiasi base, si stende e aderisce perfettamente sulle seguenti superfici: calcestruzzo, cemento, metallo, piastrelle, plastica, e anche sul asfalto! Viene utilizzato per decorare pareti, soffitti e come base per pavimenti a mosaico complesso.

Alta adesione a qualsiasi base. Come accennato nel paragrafo precedente, il microcemento si applica facilmente e aderisce bene su qualsiasi superficie. Grazie ai polimeri e agli altri componenti, non si sfalda e non si stacca anche dal vetro. Per l'applicazione,la superficie deve solo essere preparata con carteggiatura o levigatura e sucessivamente pulita e aspirata.

pavimento microcemento

L'unicità della struttura: Il microcemento viene applicato su tre strati; Il primo è un primer che si fissa saldamente alla base; Il secondo strato è di decorazione ed è costituito da elementi di finitura; Il terzo invece è lo strato protettivo che impedisce la penetrazione dell'umidità e migliora l'abrasione.

Edmondo
V&v Srl (Ciserano, Bergamo) V&v Srl - 3 anni fa

Ciao!

I vantaggi del microcemento.

Materiale versatile. Questa finitura innovativa si applica a qualsiasi base, si stende e aderisce perfettamente sulle seguenti superfici: calcestruzzo, cemento, metallo, piastrelle, plastica, e anche sul asfalto! Viene utilizzato per decorare pareti, soffitti e come base per pavimenti a mosaico complesso.

Alta adesione a qualsiasi base. Come accennato nel paragrafo precedente, il microcemento si applica facilmente e aderisce bene su qualsiasi superficie. Grazie ai polimeri e agli altri componenti, non si sfalda e non si stacca anche dal vetro. Per l'applicazione,la superficie deve solo essere preparata con carteggiatura o levigatura e sucessivamente pulita e aspirata.

pavimento microcemento

L'unicità della struttura: Il microcemento viene applicato su tre strati; Il primo è un primer che si fissa saldamente alla base; Il secondo strato è di decorazione ed è costituito da elementi di finitura; Il terzo invece è lo strato protettivo che impedisce la penetrazione dell'umidità e migliora l'abrasione.

Egidio
Privato - 3 anni fa

Mi sono accorto che sul mio pavimento in Microcemento si notano dei segnetti a mezzaluna provocati da un tipo di piedino di sedia molto duro. Volevo avere un parere da qualcuno che ne capisce è normale che succede o è un difetto di materiale ??? oppure dovevo stare attento io e trattarlo come un pavimento in legno ??

Gian Maria   Comero
Gian Maria   Comero
Privato - 3 anni fa

Sig. Egidio buonasera e buon anno, in merIto alla sua segnalazione potrebbe trattarsi di materiale con finalità elastiche, un materiale resistente ma elastico allo stesso tempo, ciò non toglie che sia una finitura delicata ma dovrà essere più attento al mobilio. ( metta dei feltrini a tutti i mobili ). Buona serata.

Gian Maria Comero

Geom. Crescenzo Maisto

Sig.ra Mersedes. Se cerca qui sul forum troverà risposte a molte sue domande...

Quelle che cita sono soluzioni differenti, alcune a base resina, altre no. Comportano livelli estetici e funzionali differenti, come anche economici. Non esiste una soluzione 'migliore' tout court, ma quella che meglio si adatta alle tue necessità di resistenza chimico/fisica, alla tua estetica e al tuo portafoglio.

Sulla 'naturalità' dei prodotti possiamo scrivere km di lettere. Quanto è naturale il cemento ? Quanto è naturale una resina all'acqua? Quanto è naturale una soluzione esente solvente con VOC = 0?

Se ho capito cosa Le piace, le consiglio di approfondire le tue ricerche su prodotti a base cementizia (sia resina che no) con un protettivo finale trasparente poliuretanico (senza solvente o all'acqua). In questo modo otterrai un prodotto che molti definiscono 'materico', non plasticoso (tipico delle basi epossidiche o epossicementizie). Se vuole, puoi iniziare spulciando le schede tecniche che troverà su Google. Le può servire per vedere che 'nuvolatura' puoi ottenere e quali resistenze raggiungi. Personalmente Io Preferisco La mattonella se trattasi di abitazione. Il pavimento in cemento o in resina è un masso monto ben finito lucidato (Ma sempre masso è). Cordialmente La Saluto.

Gian Maria   Comero
Gian Maria   Comero
Privato - 4 anni fa

I sottofondi e/o i pavimenti esistenti in cui si decida di eseguire una pavimentazione in RESINA o MACROCEMENTO vanno e devono essere sempre visionati e controllati prima di decidere qualsiasi lavoro. Ovvio, non si posa una resina se i sottofondi o pavimentazioni non sono idonei, neanche una normale pavimentazione in piastrelle. Saluti.

Gian Maria   Comero
Gian Maria   Comero
Privato - 4 anni fa

Sig.ra Mercedes buonasera, la differenza tra la resina e il macrocemento (materiali che utilizzo personalmente) si distinguono per alcuni fattori molto importanti. La RESINA che utilizzo personalmente, ha la caratteristica di non contenere materiali quali, il gesso,la calce, il cemento e di contenere inerti di marmo. Il MACROCEMENTO invece, è una resina dove il cemento la fa da padrona...è il cemento stesso sulla quale si basa la struttura in resina. Detto questo, bisogna tenere in considerazione che ogni ciclo resinifero ha la sua struttura dove deve essere scrupolosamente rispettato ogni passaggio in quanto può differenziare per caratteristiche e materiali. Come resistenza non c'è da dire, tutti i cicli che utilizzo sono adatti per interni, esterni piscine, bagni, interni di box doccia e per lavabi, sia esso in RESINA sia esso in MACROCEMENTO, In quanto per praticità sono pavimenti facilissimi da tenere puliti e quindi di poca e facile manutenzione. Durezza?mi è capitato di eseguire un lavoro dove successivamente è caduta un porta blindata. Per i suoi 3/4 mm di spessore, nemmeno la rete è rimasta visibile sui pochi e sottilissimi graffi causati dalla caduta della porta. Un paragone con la ceramica? La resina e/o il macrocemento ha bisogno di tanto in tanto di essere ripristinato con una pulizia e stesura si nuova mano di bicomponente in superficie ( sono pavimenti ripristinabili come il marmo, il parquet ect. ). La ceramica?la ceramica si posa si utlizza e poi quando è consumata si può solo cambiare, non esistono procedimenti di migliorie su questi tipi di pavimenti se non il solo trattamento impermeabilizzante al naturale e/o il trattamento anti sporco ( anche se permanente ) in quanto non preservano dal consumo dello smalto. Buona serata. Gian Maria

Geom.Enrico Fabio Falco
BUILD 4.0 SRLS (Rocca di Papa, Roma) BUILD 4.0 SRLS - 4 anni fa

Il microcemento è un prodotto a due o tre componenti con resine caricate con cemento, mentre le resine normali sono composte da resina e catalizzatore di solito con aspetto piu “vetroso”. Di fatto non è vero che sono come la ceramica perché comunque nel tempo hanno un loro strato di usura, la ceramica no

Lorenza Soldà
Moose Design s.n.c di Soldà Frederic e Sodlà Lorenza (Turate, Como) Moose Design s.n.c di Soldà Frederic e Sodlà Lorenza - 5 anni fa

Buongiorno, condivido la spiegazione del Geom.Angelo Marugi, comunque a parte la resistenza del microcemento come pavimentazione aggiungerei anche le resine e malte che si prestano molto bene alle decorazion ed in più oggi sono veramente richieste.

Ovviamente la resistenza di una pavimentazione è data soprattutto dalla differenza se una resina è monocomponente o bicomponente, dato da tenere bene a mente quando si procede con la scelta di una pavimentazione.

Può dare uno sguardo al nostro sito internet dove potrà vedere le diverse tipologie di lavorazioni.

Rispondi

Per scrivere la risposta devi essere registrato. Non è possibile inserire numeri di contatto, email o link a pagine esterne in questa sezione. Tali contenuti saranno moderati ed eliminati.

Richiedi preventivi di cemento resina nella tua zona

Scegli un tipo di lavoro

Registrati
Registra la tua impresa

Contatta all'istante persone nella tua zona alla ricerca di professionisti esperti negli ambiti della costruzione, ristrutturazione, installazioni, traslochi, architetti ecc..