È obbligatorio farsi fare la certificazione di conformità dopo aver rifatto l'impianto elettrico?

E quanto costa? Grazie

Foto: Ramacciatomobili

È obbligatorio farsi fare la certificazione di conformità dopo aver rifatto l'impianto elettrico?

E quanto costa? Grazie

Foto: Ramacciatomobili

elettricità
Hai delle domande?
Chiedi alla community

7 Risposte

Risposte utili 1
Francesco Crespi
Crf Di Crespi Francesco (Fagnano Olona, Varese) Crf Di Crespi Francesco - 5 anni fa

La legge dice che gli impianti elettrici devono essere realizzati SOLO da ditte installatrici in possesso delle relative abilitazioni. La legge non contempla affatto la possibilità da lei citata, ma impone al committente di affidare i lavori ad aziende abilitate, la responsabilità è del committente.

Non è possibile rilasciare nessuna certificazione di conformità per lavori non realizzati in quanto la norma dice espressamente che "le aziende rilasciano certificazione di conformità del lavoro eseguito". D.M. 37/2008 Dichiarazione di Rispondenza

Il decreto, oltre alla dichiarazione di conformità, introduce un nuovo tipo di documento per attestare il rispetto della regola

dell’arte, si tratta della Dichiarazione di Rispondenza.

Questa può sostituire la Dichiarazione di Conformità nel caso questa non sia più disponibile, ma solo per gli impianti

già esistenti alla data del 27 marzo 2008.

E’ importante sottolineare che la dichiarazione di conformità si riferisce esclusivamente a lavori svolti (ovviamente

comprende anche i relativi esami e prove), mentre la dichiarazione di rispondenza si riferisce unicamente ad operazioni

di accertamento e verifica.

Rispondi
Alessandro
La Meridiana soc. coop. (Roma, Roma) La Meridiana soc. coop. - 5 anni fa

Normalmente l'installatore che realizza un impianto è tenuto a rilasciare la dichiarazione di conformità dell'impianto. Il prezzo della dichiarazione è incluso nell'importo del lavoro. Se la dichiarazione viene rilasciata da un installatore che non ha realizzato l'impianto la dichiarazione ha un costo da stabilire in base a ciò che si va a certificare.

Rispondi
Luca Gottardi
Studio Tecnico Gottardi (Malnate, Varese) Studio Tecnico Gottardi - 5 anni fa

Se l'impianto è stato fatto dopo il 2008, come posso supporre dalla sua domanda, è obbligatorio per la ditta installatrice che effettua i lavori rilasciare la Dichiarazione di Conformità. Lo stabilisce l'art. 7 del D.M. 37 del 22-01-2008 e precisamente dice al comma 1:" Al termine dei lavori, previa effettuazione delle verifiche previste dalla normativa vigente, comprese quelle di funzionalità dell'impianto, l'impresa installatrice rilascia al committente la dichiarazione di conformità degli impianti realizzati nel rispetto delle norme di cui all'art. 6. Di tale dichiarazione, resa sulla base del modello di cui all'allegato I, fanno parte integrante la relazione contenente la tipologia dei materiali impiegati, nonché il progetto di all'art. 5".

Il progetto deve essere realizzato da parte di un iscritto all'albo, con specializzazione elettrotecnica, in questo caso, se la superficie è superiore a 400 mq per un abitazione o a 200 mq per un attività o se il contratto con il fornitore dell'energia è superiore a 6 kWh o se si svolgono attività soggette a norme specifiche o se si ha l'obbligo della prevenzione incendi, se non si ricade nei limiti sopra esposti lo può fare il titolare o il responsabile tecnico della ditta installatrice. La certificazione essendo un documento che certifica il corretto montaggio e funzionamento dell'impianto è GRATUITA. Nel caso la ditta installatrice non l'avesse data ovviamente ha un costo che può dipendere da molti fattori.

Francesco Crespi
Crf Di Crespi Francesco (Fagnano Olona, Varese) Crf Di Crespi Francesco - 5 anni fa

La legge dice che gli impianti elettrici devono essere realizzati SOLO da ditte installatrici in possesso delle relative abilitazioni. La legge non contempla affatto la possibilità da lei citata, ma impone al committente di affidare i lavori ad aziende abilitate, la responsabilità è del committente.

Non è possibile rilasciare nessuna certificazione di conformità per lavori non realizzati in quanto la norma dice espressamente che "le aziende rilasciano certificazione di conformità del lavoro eseguito". D.M. 37/2008 Dichiarazione di Rispondenza

Il decreto, oltre alla dichiarazione di conformità, introduce un nuovo tipo di documento per attestare il rispetto della regola

dell’arte, si tratta della Dichiarazione di Rispondenza.

Questa può sostituire la Dichiarazione di Conformità nel caso questa non sia più disponibile, ma solo per gli impianti

già esistenti alla data del 27 marzo 2008.

E’ importante sottolineare che la dichiarazione di conformità si riferisce esclusivamente a lavori svolti (ovviamente

comprende anche i relativi esami e prove), mentre la dichiarazione di rispondenza si riferisce unicamente ad operazioni

di accertamento e verifica.

Rispondi

Per scrivere la risposta devi essere registrato. Non è possibile inserire numeri di contatto, email o link a pagine esterne in questa sezione. Tali contenuti saranno moderati ed eliminati.

Richiedi preventivi di elettricisti nella tua zona

Scegli un tipo di lavoro

Registrati
Registra la tua impresa

Contatta all'istante persone nella tua zona alla ricerca di professionisti esperti negli ambiti della costruzione, ristrutturazione, installazioni, traslochi, architetti ecc..