Perchè è impossibile frazionar un'unità immobiliare?

Buonasera, il mio comune non mi permette di frazionare un immobile (regolarmente accatastato e realizzato) in due unità immobiliari in zona agricola per poi effettuare una donazione. Non riesco a trovare dei riferimenti normativi che giustifichino questa presa di posizione. Qualcuno ha esperienza in merito? Grazie

Perchè è impossibile frazionar un'unità immobiliare?

Buonasera, il mio comune non mi permette di frazionare un immobile (regolarmente accatastato e realizzato) in due unità immobiliari in zona agricola per poi effettuare una donazione. Non riesco a trovare dei riferimenti normativi che giustifichino questa presa di posizione. Qualcuno ha esperienza in merito? Grazie

Hai delle domande?
Chiedi alla community

5 Risposte

Salvatore Bilotta
Geometra Bilotta S. (Castel Maggiore, Bologna) Geometra Bilotta S. - 2 mesi fa

Probabilmente perchè, essendo zona agricola e frazionando, le due unità immobiliari derivanti e prese singolarmente non avrebbero le dotazioni urbanistiche previste dal Regolamento Edilizio del suo Comune. Tradotto: non ha la superficie di terreno accessoria e necessaria a questo tipo di frazionamento utile poi alle urbanizzazioni. Condivido: ci vuole un tecnico e non è una cosa semplice.

Rispondi
Raimondo La Bianca
Studio Tecnico Specializzato (Catania, Catania) Studio Tecnico Specializzato - 2 mesi fa

L'amministrazione comunale non può dire che non è divisibile. Che tipo di immobile è. Capannone ad uso agricolo, Deposito, Abitazione, specifica meglio. La concessione edilizia dell'immobile cosa dice. La divisione è sempre ammessa. Il tutto deve rimanere con la stessa destinazione d'uso. Vedi con un tecnico.

Rispondi
Ing. Antonello Serra
Antonello Serra (Cagliari, Cagliari) Antonello Serra - 2 mesi fa

Prima di tutto, va detto che queste attività devono essere seguite da un tecnico, altrimenti ogni piccola virgola diventa una montagna, come prevedibile.

Motivi che possono ostacolare il frazionamento, possono essere diversi, tra cui:

- l'immobile è condonato, ma con destinazione d'uso non ammissibile nella zona omogena di appartenenza, per esempio residenza in zona D (artigianale). In caso di frazionamento si verrebbero a creare due nuove residenze in una zona omogenea, la D, che invece non ammette residenze.

- l'immobile è condonato, ma ha sul lotto più cubatura di quanto ammissibile da strumento urbanistico. In caso di frazionamento si vengono a creare due nuove residenze, che insieme hanno più cubatura di quanto ammissibile.

- Il frazionamento proposto potrebbe implicare che il risultato siano due immobili che non soddisfano qualcuna delle prescrizioni di piano nella zona omogenea. Va studiato per capire quali possano essere questi aspetti, se presenti.

In sintesi: va dato incarico ad un tecnico che studi la situazione e se possibile, individui il percorso per rendere fattibile il frazionamento.

Rispondi
Andrea
Andrea Bartoli Architetto (Cesena, Forlì-Cesena) Andrea Bartoli Architetto - 2 mesi fa

Per frazionarla in due devi eseguire una pratica edilizia che individuerà le due unità che devono essere autonome cioè avere cucina soggiorna bagno letto. Poi a seguito della pratica edilizia lo potrai dividere. Se non ti risulta possibile è perché la normativa regionale non consente l'aumento di unita immobiliari in zona agricola. E' vincolato?

Rispondi
Rispondi

Per scrivere la risposta devi essere registrato. Non è possibile inserire numeri di contatto, email o link a pagine esterne in questa sezione. Tali contenuti saranno moderati ed eliminati.

Richiedi preventivi di ristrutturazione casa nella tua zona

Scegli un tipo di lavoro

Registrati
Registra la tua impresa

Contatta all'istante persone nella tua zona alla ricerca di professionisti esperti negli ambiti della costruzione, ristrutturazione, installazioni, traslochi, architetti ecc..