È possibile trasformare l'impianto di riscaldamento?

Salve! vorrei trasformare l'attuale impianto di riscaldamento di casa, da centralizzato ad autonomo. Devo cambiare tutto? tubazioni ecc? oppure è possibile collegarlo all'impianto esistente? Grazie anticipatamente

Ivan
Ivan ha fatto una domanda su
Ristrutturazione Casa
3 mesi fa

È possibile trasformare l'impianto di riscaldamento?

Salve! vorrei trasformare l'attuale impianto di riscaldamento di casa, da centralizzato ad autonomo. Devo cambiare tutto? tubazioni ecc? oppure è possibile collegarlo all'impianto esistente? Grazie anticipatamente

Hai delle domande?
Chiedi alla community

6 Risposte

Ing. Antonello Serra
Ing. Antonello Serra
Ing. Antonello Serra ha rsposto... Antonello Serra (Cagliari, Cagliari) Antonello Serra - 3 mesi fa

Buongiorno Ivan,

la modifica del tipo di impianto, da centralizzato ad autonomo, è radicale, quindi non è una modifica che si può fare con poco impegno.

Nel dettaglio vanno chiariti questi aspetti:

1) l'intervento di modifica vera e propria deve essere preceduta da una assemblea di condominio che a fronte di una tua informativa formale sulle tue intenzioni di distacco dall'impianto esistente, delibera (l'assemblea di condominio) di non si opporsi al tuo distacco. Per farlo devi farti redigere da un tecnico come il sottoscritto una relazione che argomenti sui diversi aspetti in gioco.

2) Una volta fatto il distacco, tu continuerai a pagare il costo di gestione della caldaia condominiale e dell'impianto, ossia il costo di eventuale manutenzione anche delle condotte presenti nei muri.

3) Il distacco implica scavare a casa tua, in parole povere, raggiungere il punto di ingresso dell'acqua calda e chiuderlo in modo definitivo, in genere con manicotti o saldature su rame. Implica anche poi alimentare o i vecchi caloriferi, o alimentare i nuovi sistemi di diffusione del calore, il che a sua volta implica sempre altri lavori edili, per tracce nelle murature e nei pavimenti, e successiva posa delle condotte. Sono lavori molto invasivi, perché facendo le tracce per i nuovi tubi, è molto probabile andare ad incrociare altri tubi (in parole povere) già presenti nel pavimento o nei muri, per impianti idrici o elettrici, il che implica una altissima percentuale di imprevisti, ossia che inizi ma non puoi essere certo del costo finale e dei tempi di completamento.

E' molto meglio operare il distacco del sistema di riscaldamento in concomitanza con una ristrutturazione complessiva dell'appartamento, quando non ci stai vivendo dentro.

Rispondi
Prof Matteo Mirabilio
Prof Matteo Mirabilio
Prof Matteo Mirabilio ha rsposto... Mirabilio Lavori S.r.l.s. (Pescara, Pescara) Mirabilio Lavori S.r.l.s. - 3 mesi fa

E già

Gianandrea Tamai
Gianandrea Tamai
Gianandrea Tamai ha rsposto... Geom. Gianandrea Tamai Manutenzione E Ristrutturazioni Edili (Mestre, Venezia) Geom. Gianandrea Tamai Manutenzione E Ristrutturazioni Edili - 3 mesi fa

Buongiorno, Ci si può distaccare dall'impianto centralizzato avvisando l'amministratore. Continuerà a pagare le spese di manutenzione della caldaia che è considerata un valore aggiunto alla sua abitazione, mentre non pagherà i consumi. Dopo bisogna vedere la fattibilità per l'installazione della sua nuova caldaia, posizione, scarichi condensa e camino, mentre le tubazioni ed i corpi radianti possono restare gli stessi.

Achille Gallo
Achille Gallo
Achille Gallo ha rsposto... AE.GI. Lavori Edili Di Achille Gallo (Duglia, Cosenza) AE.GI. Lavori Edili Di Achille Gallo - 3 mesi fa

certo ovviamente devi comunicare poi va visto e valutato da dove si deve staccare per fare i nuovi allacci nella tua proprieta

Rocco Lodise
Rocco Lodise
Rocco Lodise ha rsposto... Geom. Rocco Lodise (Cesenatico, Forlì-Cesena) Geom. Rocco Lodise - 3 mesi fa

Buongiorno in parte è possibile, previa richiesta al condominio, però consideri che le saranno addebitate la quota di manutenzione e delle perdite di energia.

Edilizia Genovese® Pagliaro Emiliano
Edilizia Genovese® Pagliaro Emiliano
Edilizia Genovese® Pagliaro Emiliano ha rsposto... Edilizia Genovese (Genova, Genova) Edilizia Genovese - 3 mesi fa

Buongiorno sig. Ivan, si è possibile in parte, dopo richiesta ed accettazione da parte del condominio stesso, ma tenga presenta che a prescindere dovrà sempre onorare il 50% dell'eventuali spese dell'impianto termico del condominio in caso di manutenzioni.

Rispondi

Per scrivere la risposta devi essere registrato. Non è possibile inserire numeri di contatto, email o link a pagine esterne in questa sezione. Tali contenuti saranno moderati ed eliminati.

Aggiungi foto
Richiedi preventivi di ristrutturazione casa nella tua zona

Scegli un tipo di lavoro

Registrati
Registra la tua impresa

Contatta all'istante persone nella tua zona alla ricerca di professionisti esperti negli ambiti della costruzione, ristrutturazione, installazioni, traslochi, architetti ecc..