Consulenza Geometra per Edilizia

Cambiare da vasca a doccia, vorrei prima di tutto sapere se per questo lavoro a roma occorre la DIA.

Consulenza Geometra per Edilizia

Cambiare da vasca a doccia, vorrei prima di tutto sapere se per questo lavoro a roma occorre la DIA.

Hai delle domande?
Chiedi alla community

6 Risposte

Architetto Brilli
PRS Progettare Realizzare in Sicurezza (Roma, Roma) PRS Progettare Realizzare in Sicurezza - 2 anni fa

Buongiorno,

per i lavori da Lei indicati non è necessario presentare il progetto e la relativa pratica (SCIA o CILA che sia, la DIA non è più contemplata) presso gli uffici Comunali. Pertanto sarà libera di effettuare quando vuole i lavori senza chiedere alcun permesso o effettuare alcuna comunicazione.

Arch Daniele Meraldi
Architetto Daniele Meraldi (Milano, Milano) Architetto Daniele Meraldi - 2 anni fa

NO, una comunicazione inizio lavori può andare bene. ad ogni modo puoi rifare anche tutto il bagno e dia non ne servono. Lavori edilizi liberi

Non serve alcun permesso né comunicazione per tutti quegli interventi di manutenzione ordinaria comprese le tinteggiature interne, il rifacimento di pavimenti e rivestimenti interni, la sostituzione di porte e di impianti, purché senza innovazione.

Non servirà più nessuna comunicazione, permesso o segnalazione, e quindi sono attività edilizia libera, per i seguenti interventi:

– opere di pavimentazione e finitura di spazi esterni, anche per aree di sosta, comprese le intercapedini interrate e non accessibili, le vasche di raccolta delle acque, i locali tombati;

– installazione di pannelli solari e fotovoltaici per gli edifici, al fuori dei centri storici;

– aree ludiche senza fini di lucro;

– elementi di arredo delle aree pertinenziali;

– gli interventi di manutenzione ordinaria;

– gli interventi di installazione delle pompe di calore aria-aria di potenza termica utile nominale inferiore a 12 Kw;

– gli interventi volti all’eliminazione di barriere architettoniche che non comportino la realizzazione di ascensori esterni o di manufatti che alterano la sagoma dell’edificio;

– le opere temporanee per attività di ricerca nel sottosuolo che abbiano carattere geognostico (tranne le attività di ricerca di idrocarburi) eseguite in aree esterne al centro edificato;

– i movimenti di terra pertinenti all’esercizio dell’attività agricola e le pratiche agro-silvo-pastorali, anche gli interventi su impianti idraulici agrari;

– le serre mobili stagionali, sprovviste di strutture in muratura, funzionali allo svolgimento dell’attività agricola;

– le opere che soddisfano esigenze contingenti e temporanee, e che vengono rimosse al massimo entro novanta giorni dalla fine della necessità, diventano edilizia libera ma conservano un obbligo di comunicazione inizio lavori (una sorta di Cil).

Cristiano Scucchia
Cristiano scucchia (Roma, Roma) Cristiano scucchia - 2 anni fa

Buongiorno. Assolutamente no. La Dia (che ormai è stata sostituita da altri strumenti urbanistici) occorre solo per interventi che vanno a modificare la disposizione interna dell’app, o ne alterino i volumi, o interventi su facciate.

A livello catastale non sono indicati gli arredi nei bagni. Può tranquillamente procedere senza presentare alcuna domanda.

Rispondi

Per scrivere la risposta devi essere registrato. Non è possibile inserire numeri di contatto, email o link a pagine esterne in questa sezione. Tali contenuti saranno moderati ed eliminati.

Richiedi preventivi di geometri nella tua zona

Scegli un tipo di lavoro

Registrati
Registra la tua impresa

Contatta all'istante persone nella tua zona alla ricerca di professionisti esperti negli ambiti della costruzione, ristrutturazione, installazioni, traslochi, architetti ecc..