Coibentazione cassonetti tapparelle: Quando è il caso?

Salve.

Considerata l'assenza di un cappotto sui muri perimetrali (appartamento costruito a fine anni 60) e che finestre e porte-finestre sono a doppia anta (infisso interno in legno a vetro singolo e infisso esterno in alluminio, sempre a vetro singolo) non ho neppure pensato a una coibentazione del cassonetto delle tapparelle. L'unico intervento di riqualificazione energetica è stato la sostituzione delle vecchie tapparelle avvolgibili ormai cadenti con quelle in alluminio coibentate.

Togliendo il pannello di compensato sottile che copriva la parte superiore tra il cassonetto e il soffitto, ho notato una zona vuota ove il muro presenta uno spessore all'incirca la metà di quello in tutto il perimetro esterno (foto allegata). A questo punto ho pensato che la coibentazione, anche se limitata a un riempitivo dello spazio dal soffitto fino alla feritoia di uscita della tapparella, comincerebbe ad avere un senso.

In aggiunta a quanto detto, una delle finestre (la più grande), a differenza delle altre non è protetta da una controfinestra. Quindi oltre al famoso spazio vuoto, gli agenti atmosferici (freddo, vento e umidità) hanno e stanno danneggiando la parte superiore in legno del cassonetto che si è incurvata (a Firenze si dice "imbarcata").

Termino concludendo che la maggior parte di questi cassonetti, è destinata per altri motivi, ad essere inglobata in denti di cartongesso, vi chiedo un consiglio su come comportarmi. Coibento il cassone e lo chiudo nel cartongesso? Rimuovo la parte a vista del cassone, coibento e la ricreo col cartongesso? Ci sono problematiche con l'umidità?

Un' ultima domanda. Visto che le tapparelle a isolamento termico sono già state installate, è vero che non potrei detrarre il 65% per la coibentazione dei suddetti cassonetti?

Ringrazio per l'attenzione nell'attesa di di vostre risposte, porgo cordiali saluti.

Coibentazione cassonetti tapparelle: Quando è il caso?

Salve.

Considerata l'assenza di un cappotto sui muri perimetrali (appartamento costruito a fine anni 60) e che finestre e porte-finestre sono a doppia anta (infisso interno in legno a vetro singolo e infisso esterno in alluminio, sempre a vetro singolo) non ho neppure pensato a una coibentazione del cassonetto delle tapparelle. L'unico intervento di riqualificazione energetica è stato la sostituzione delle vecchie tapparelle avvolgibili ormai cadenti con quelle in alluminio coibentate.

Togliendo il pannello di compensato sottile che copriva la parte superiore tra il cassonetto e il soffitto, ho notato una zona vuota ove il muro presenta uno spessore all'incirca la metà di quello in tutto il perimetro esterno (foto allegata). A questo punto ho pensato che la coibentazione, anche se limitata a un riempitivo dello spazio dal soffitto fino alla feritoia di uscita della tapparella, comincerebbe ad avere un senso.

In aggiunta a quanto detto, una delle finestre (la più grande), a differenza delle altre non è protetta da una controfinestra. Quindi oltre al famoso spazio vuoto, gli agenti atmosferici (freddo, vento e umidità) hanno e stanno danneggiando la parte superiore in legno del cassonetto che si è incurvata (a Firenze si dice "imbarcata").

Termino concludendo che la maggior parte di questi cassonetti, è destinata per altri motivi, ad essere inglobata in denti di cartongesso, vi chiedo un consiglio su come comportarmi. Coibento il cassone e lo chiudo nel cartongesso? Rimuovo la parte a vista del cassone, coibento e la ricreo col cartongesso? Ci sono problematiche con l'umidità?

Un' ultima domanda. Visto che le tapparelle a isolamento termico sono già state installate, è vero che non potrei detrarre il 65% per la coibentazione dei suddetti cassonetti?

Ringrazio per l'attenzione nell'attesa di di vostre risposte, porgo cordiali saluti.

Hai delle domande?
Chiedi alla community

8 Risposte

Fabrizio Manunza
L'idea In Più S.r.l. (Cagliari, Cagliari) L'idea In Più S.r.l. - 5 anni fa

visto che ci sei toglilo!

Rispondi
Maurizio  Baccetti
Privato - 5 anni fa

Salve. Secondo lei dovrei togliere il cassone, costruire il dente di cartongesso, separare e coibentare la parte che interessa il meccanismo, dal resto della struttura? Naturalmente anche creare un pannello che mi permetta di accedere all'interno.

Maurizio  Baccetti
Privato - 5 anni fa

Un ringraziamento a chi mi ha risposto ma temo di aver posto la domanda male. Vediamo se mi spiego meglio.

Le tapparelle coibentate sono già state installate e le sto scaricando a partire dall'ultima dichiarazione dei redditi. Quello che chiedevo era se a tapparelle montate e dichiarate con il modulo F posso scaricare anche la coibentazione delle tapparelle.

Il dente di cartongesso ci sarà a prescindere. La domanda era se lasciare il cassone originale dentro il suddetto, magari a marcire, cartongesso oppure rimuoverlo chiudendo e isolando la parte interessata dal meccanismo delle tapparelle.

Fabio D'Amico
D'amico Casa Design (Torino, Torino) D'amico Casa Design - 5 anni fa

Buongiorno, io le volevo solo chiarire che le tapparelle sono detraibili al 65% solo se vengono sostituite insieme ai serramenti, oppure rientrano al 50% se le sostituisce con quelle blindate in acciaio. Trovo starno che le hanno fatto fare una pratica ENEA su delle tapparelle....

Quindi alla luce di questo può comprendere che lavori di isolamento del cassonetto non possono rientrare nelle detrazioni....

Su tipologia di intervento, è meglio lasciarle accessibili perchè in caso di rottura o malfunzionamento le toccherebbe intaccare la struttura in cartongesso

Geom Fabio  Danne
Geom. Fabio Danne (Milano, Milano) Geom. Fabio Danne - 5 anni fa

Mettere il cartongesso non lo consiglio. Per quanto riguarda la detraz al 65% è meglio accedervi cambiando anche i serramenti dato che bisogna poi dimostrare che il sistema serramento/ oscuranti apporti migliorie in termini di trasmittanza all involucro abitativo

Rispondi
Fabio D'Amico
D'amico Casa Design (Torino, Torino) D'amico Casa Design - 5 anni fa

Buonasera, che io sappia gli avvolgibili anche se in alluminio coibentato, vanno in detrazione solo con la sostituzione dei serramenti....

Per isolare il cassonetto può comprare dei tappetini isolanti e li attacca al coperchio e sulla parete interna del cassonetto tipo celino.

Nelle varie cavità che vi sono, può inserire della schiuma poliuretanica, come quella che si usa per isolare i serramenti.

Cordiali saluti

D'Amico Casa Design

Rispondi
Rispondi

Per scrivere la risposta devi essere registrato. Non è possibile inserire numeri di contatto, email o link a pagine esterne in questa sezione. Tali contenuti saranno moderati ed eliminati.

Richiedi preventivi di isolamento nella tua zona

Scegli un tipo di lavoro

Registrati
Registra la tua impresa

Contatta all'istante persone nella tua zona alla ricerca di professionisti esperti negli ambiti della costruzione, ristrutturazione, installazioni, traslochi, architetti ecc..