Quali sono le soluzioni corrette da utilizzare per il massetto?

Salve,

vorrei chiedere alcuni consigli per un massetto che dovrò fare a casa e per cui ho sentito pareri discordanti. Sto ristrutturando casa, quindi c'è il solaio con sopra i vari corrugati dell'impianto elettrico e i tubi dell'acqua, non sarà installato il riscaldamento a pavimento. Lo spessore massimo dei tubi (in cui si accavallano) è di circa 5 cm e come pavimentazione metteremo il parquet. Mi hanno proposto di mettere un massetto di 8 cm in modo tale da avere 3cm sopra gli impianti e di posare su di esso il parquet, ma non hanno parlato di barriere al vapore o altro, in questo caso è meglio metterla? si riesce anche con le tubazioni?....La seconda domanda riguarda il cappotto interno in cui verranno fatti passare i corrugati dell'impianto elettrico. C'è chi dice di creare il cappotto prima della posa del massetto, ma in questo caso il perimetro del massetto andrebbe a comprimere le lastre di cartongesso, c'è chi invece dice di creare il telaio del cappotto, posare il massetto (in questo caso il perimetro inferiore del telaio verrebbe annegato nel massetto) e successivamente posare i pannelli in cartongesso che però non avrebbero piu il perimetro inferiore a cui essere avvitati.

Quali sono le soluzioni corrette da utilizzare?

Quali sono le soluzioni corrette da utilizzare per il massetto?

Salve,

vorrei chiedere alcuni consigli per un massetto che dovrò fare a casa e per cui ho sentito pareri discordanti. Sto ristrutturando casa, quindi c'è il solaio con sopra i vari corrugati dell'impianto elettrico e i tubi dell'acqua, non sarà installato il riscaldamento a pavimento. Lo spessore massimo dei tubi (in cui si accavallano) è di circa 5 cm e come pavimentazione metteremo il parquet. Mi hanno proposto di mettere un massetto di 8 cm in modo tale da avere 3cm sopra gli impianti e di posare su di esso il parquet, ma non hanno parlato di barriere al vapore o altro, in questo caso è meglio metterla? si riesce anche con le tubazioni?....La seconda domanda riguarda il cappotto interno in cui verranno fatti passare i corrugati dell'impianto elettrico. C'è chi dice di creare il cappotto prima della posa del massetto, ma in questo caso il perimetro del massetto andrebbe a comprimere le lastre di cartongesso, c'è chi invece dice di creare il telaio del cappotto, posare il massetto (in questo caso il perimetro inferiore del telaio verrebbe annegato nel massetto) e successivamente posare i pannelli in cartongesso che però non avrebbero piu il perimetro inferiore a cui essere avvitati.

Quali sono le soluzioni corrette da utilizzare?

Hai delle domande?
Chiedi alla community

2 Risposte

Luigi VECCHI
Vecchi luigi geom (Noceto, Parma) Vecchi luigi geom - 3 mesi fa

Quoto al 100% la risposta già pubblicata dall'Ing. Serra: avete cominciato la ristrutturazione alla rovescia; con il metodo: chi fa da sè...... spende per 3 ( volte). Ovvero, fare, rifare ed andare in causa; per poi alla fine avere dei lavori fatti male e/o non più recuperabili. Seguite il consiglio del collega: un buon professionista che redige un bel Computo Metrico dei Lavori da farsi in base alle vs. richieste / esigenze / obiettivi /budget di spesa. Poi in base al Computo Metrico scegliete, fra 3 diverse, un'Impresa organizzata ( non un ripiego ) e portate a termine la vs. ristrutturazione una volta sola, magari in 1 - 2 mesi in più; ma una volta sola.

Ing. Antonello Serra
Antonello Serra (Cagliari, Cagliari) Antonello Serra - 3 mesi fa

Buongiorno,

purtroppo devo dirle che avete sbagliato tutto, e siete già in mezzo al guado.

Interventi come il vostro non vanno mai intrapresi senza ausilio di un tecnico che assuma il ruolo di progettista e di direttore dei lavori. La parcella di questo tecnico è ampiamente ripagata da una realizzazione a regola d'arte e, soprattutto, da una realizzazione fatta una volta sola e senza strascichi tecnici o legali. Ossia: una volta fatto funziona tutto e potrete tranquillamente dimenticarvi nomi e recapiti dell'impresa e dello stesso tecnico.

Nel vostro caso, le questioni che ponete, le avreste dovute valutare ben prima di iniziare l'intervento. Posso dirvi che:

- un massetto di 8 cm è adeguato per la maggior parte dei casi.

- volendo posare un pavimento in legno o similari, il massetto deve avere una serie di requisti di base, imprescindibili, come durezza superficiale, resistenza allo spolvero ed altri. Vi sono alcune norme tecniche che ne definiscono le caratteristiche.

- il cappotto interno è sempre sconsigliabile, perché apre la strada a condensa interstiziale, ossia creazione di acqua all'interno di interstizi tra le pareti, in zone non ispezionabili. In ogni caso il tipo di cappotto ed il suo dimensionamento nasce sempre da un progetto ben fatto, che ha come fonte la normativa di settore e come strumenti software specifico, e non ha nulla in comune con quello che potete andare a realizzare chiedendo informazioni in chat all'ultimo minuto.

A mio avviso, se non avete troppa fretta e se rientra in vostro budget, dovreste fermare i lavori, contattare un tecnico della vostra zona e consegnargli il cantiere. Fare un pò d'ordine e ripartire. Ritengo lavorerete meglio e arriverete a risultati più durevoli nel tempo.

Rispondi

Per scrivere la risposta devi essere registrato. Non è possibile inserire numeri di contatto, email o link a pagine esterne in questa sezione. Tali contenuti saranno moderati ed eliminati.

Richiedi preventivi di ristrutturazione casa nella tua zona

Scegli un tipo di lavoro

Registra la tua impresa

Contatta all'istante persone nella tua zona alla ricerca di professionisti esperti negli ambiti della costruzione, ristrutturazione, installazioni, traslochi, architetti ecc..