Cambio uso senza opere edili?

Buonasera, sto acquistando un immobile che al piano terra ha un fondo ad uso commerciale peraltro già comunicante con il resto della abitazione. Contestualmente allo atto di compravendita intendo fare un cambio uso affinché diventi pertinenza della abitazione come sgabuzzino/ locale sgombero. Si tratterebbe di un diverso uso funzionale senza fare alcuna opera edile. Questo tipo di intervento infatti intendo farlo più in là nel tempo. Tuttavia oltre agli oneri di urbanizzazione e spese di segreteria il comune mi chiede una scia e una nuova certificazione di agibilità e abitabilità per il cambio uso. Il tutto mi sembra esagerato non dovendo fare alcun lavoro. Grazie

Cambio uso senza opere edili?

Buonasera, sto acquistando un immobile che al piano terra ha un fondo ad uso commerciale peraltro già comunicante con il resto della abitazione. Contestualmente allo atto di compravendita intendo fare un cambio uso affinché diventi pertinenza della abitazione come sgabuzzino/ locale sgombero. Si tratterebbe di un diverso uso funzionale senza fare alcuna opera edile. Questo tipo di intervento infatti intendo farlo più in là nel tempo. Tuttavia oltre agli oneri di urbanizzazione e spese di segreteria il comune mi chiede una scia e una nuova certificazione di agibilità e abitabilità per il cambio uso. Il tutto mi sembra esagerato non dovendo fare alcun lavoro. Grazie

Hai delle domande?
Chiedi alla community

6 Risposte

Geom. Crescenzo Maisto

Caro Amico, per il cambio di destinazione, occorre un regolare permesso comunale, con tutti gli oneri che ciò comporta, che dipendono dai singoli comuni. Oltre nuova agibilità e successiva pratica catastale della variazione. Faccia un computo delle spese e tasse, per valutare la convenienza economica per l'esecuzione o meno.

Simone Iacorossi
Studio Tecnico Geom Iacorossi Simone (Lajatico, Pisa) Studio Tecnico Geom Iacorossi Simone - 4 anni fa

Buongiorno , le rispondo considerando ubicata in Toscana l'opera da eseguire .

La normativa di settore L.R. 65/2014 prevede il cambio d'uso con SCIA e conseguentemente nuova certificazione di abitabilità e relativo aggiornamento catastale . Mi sembra corretto quanto richiesto dal comune .

Studio tecnico associato di f beghè e a dolcimascolo
Studio Tecnico Associato Di F. Beghè E A. Dolcimascolo (Pisa, Pisa) Studio Tecnico Associato Di F. Beghè E A. Dolcimascolo - 4 anni fa

Se già esiste una porta di comunicazione tra le due unità, lascerei tutto come è:

- in questa maniera rimane sempre possibile riutilizzare il fondo commerciale nel tempo, altrimenti per riutilizzarlo come attività commerciale, una volta richiesto il cambio di destinazione, dovrebbe in seguito fare la pratica inversa.

- inoltre, visto il collegamento tra le unità, nulla vieta che utilizzi il fondo come deposito

Sara Pizzo
Studio Tecnico 1881 (Boves, Cuneo) Studio Tecnico 1881 - 4 anni fa

Buongiorno, la normativa vigente ed in particolare il DPR380/2001 (che ha valenza nazionale) prevede per il cambio d'uso anche in assenza di opere la presentazione di una SCIA con presentazione di cerificato di agibilità. Al termine della pratica dovrà anche presentare variazione catastale. La norma è dettata dalla necessità di garantire la sicurezza degli impianti, la salubrità degli ambienti e l'adeguatezza dei vani per l'uso al quale sono destinati quindi non direi che sono superflue in generale. Nel suo caso specifico però non ho capito perchè sente la necessità di uffucializzare il cambio d'uso.

Rispondi

Per scrivere la risposta devi essere registrato. Non è possibile inserire numeri di contatto, email o link a pagine esterne in questa sezione. Tali contenuti saranno moderati ed eliminati.

Richiedi preventivi di geometri nella tua zona

Scegli un tipo di lavoro

Registrati
Registra la tua impresa

Contatta all'istante persone nella tua zona alla ricerca di professionisti esperti negli ambiti della costruzione, ristrutturazione, installazioni, traslochi, architetti ecc..