Come rendere abitabile un appartamento condominiale?

Salve 9 anni fa ho acquistato un appartamento in condominio di nuova costruzione ,nel contratto di compravendita era specificato che il costruttore avrebbe rilasciato i certificati di abitabilità successivamente ,passati circa 6 anni il direttore dei lavori ha provveduto a fare dei sopralluoghi per presentare le domande di abitabilità al comune ,ma visto che avevo realizzato un gazebo in legno di circa 9mq nel mio giardino non ha voluto presentare la domanda per il mio appartamento, come dovrei comportarmi? saluti

Come rendere abitabile un appartamento condominiale?

Salve 9 anni fa ho acquistato un appartamento in condominio di nuova costruzione ,nel contratto di compravendita era specificato che il costruttore avrebbe rilasciato i certificati di abitabilità successivamente ,passati circa 6 anni il direttore dei lavori ha provveduto a fare dei sopralluoghi per presentare le domande di abitabilità al comune ,ma visto che avevo realizzato un gazebo in legno di circa 9mq nel mio giardino non ha voluto presentare la domanda per il mio appartamento, come dovrei comportarmi? saluti

Hai delle domande?
Chiedi alla community

1 Risposte

Ing. Antonello Serra
Antonello Serra (Cagliari, Cagliari) Antonello Serra - un mese fa

Buongiorno,

a mio avviso avete fatto tutti alcuni errori.

Prima di tutto, l'agibilità deve essere fornita al momento della compravendita, perché la mancanza del documento è prima di tutto un costo occulto la cui entità e di incerta valutazione e può essere o molto cara o addirittura impossibile da ottenere. Se il vostro caso fosse questo, il suo appartamento è deprezzato in modo significativo e quindi entro lo scadere del decimo anno dalla data di acquisto, si rivolga ad un legale ed ad un tecnico (in genere un ingegnere perito per il tribunale territorialmente competente), per citare in giudizio il costruttore ed il direttore dei lavori.

Va anche detto che quando non viene rilasciata l'agibilità in fase di compravendita, in genere è perché ci sono motivi ostativi, non dichiarabili.

Tra questi, il più frequente è la presenza di abusi edilizi, perché l'agibilità implica a monte la regolarità edilizia.

Quindi, anche il suo gazebo, che potrebbe costituire un abuso edilizio, impedisce l'ottenimento dell'agibilità.

Però è veramente singolare che il direttore dei lavori di costruzione si presenti dopo 6 anni e che motivi con la presenza del gazebo la non possibilità di fare agibilità, perché i due aspetti non sono tra loro comparabili, cioè, lei potrebbe tranquillamente demolire il gazebo, pur di avere l'agibilità, no?

Segua il mio consiglio: chieda la consulenza ad un tecnico di settore, specializzato. Lo paghi per avere una relazione scritta circa le motivazioni reali per l'impossibilità di avere l'agibilità e nel caso queste motivazioni rilevino carenze da parte del costruttore, segua le indicazioni del tecnico, dia incarico anche ad un avvocato e citi in giudizio costruttore e direttore dei lavori, entrambi in solido.

Rispondi

Per scrivere la risposta devi essere registrato. Non è possibile inserire numeri di contatto, email o link a pagine esterne in questa sezione. Tali contenuti saranno moderati ed eliminati.

Richiedi preventivi di geometri nella tua zona

Scegli un tipo di lavoro

Registrati
Registra la tua impresa

Contatta all'istante persone nella tua zona alla ricerca di professionisti esperti negli ambiti della costruzione, ristrutturazione, installazioni, traslochi, architetti ecc..